“Ereditare, Ripetere, Innovare”

INTERPRETAZIONE.

Reti di relazioni generate da un’opera d’arte

22–25 febbraio 2022

Conservatorio e Università di Trento

In collaborazione con MUSE

Il progetto di ricerca è in sé piuttosto vasto: concepiremmo Interpretazione come apice e contemporaneamente stimolo alla ricerca per studiose e studiosi della più varia provenienza e vocazione. Si configura quale riflessione prismatica e multidisciplinare intorno al lemma Interpretazione; si articola in modo triplice:

– come Convegno: novero di conferenze da parte di Docenti, chiuse, ogni giorno, da concerti in tema (il tema-sottotitolo varia ogni anno);
– come serie di volumi a certificazione, stimolo e rinforzo dell’attività di ricerca a più voci (è recente la stipula di una convenzione tra il Conservatorio di Trento e Mimesis Edizioni: è già uscito il primo volume di Darshanim. Contributi a Interpretazione – reti di relazioni generate da un’opera d’arte – Collana TETRAGRAMMA – curato dal Prof. Pier Alberto Porceddu Cilione, Università di Verona; in uscita il II volume e una serie di ulteriore e più ampio approfondimento su tematiche interpretative: L’Interprete e la Musa);

– da gennaio 2021 ulteriore declinazione di Interpretazione è OI DIALOGOI: rete di relazioni tra studenti di Conservatori e Università aggregati allo scopo di promuovere ricerca comune, con docenti di riferimento.

Ereditare, ripetere, innovare.

Un filo saldo unisce i tre termini: soprattutto per l’interprete musicale, sempre in dialogo fusivo con l’Altro, con la Storia, con un passato – immediatamente prossimo oppure remotissimo – che solo per l’interprete, ovvero nell’evento performato e incarnato diventa musica. A ogni concerto davvero grande siamo di fronte a musica del passato che si rivolge all’oggi, e non in modo innocuo o con scopi solo intrattenitivi, ma disegnando un orizzonte carico di impegno: sia per il coinvolgimento dionisiaco che il concerto in sé produce, sia in quanto un tale evento, radicato nel presente, crea il domani. La questione dell’eredità, oltre che eminentemente artistica è dunque etico-politica con sfondi filosofici importanti, e perciò – a monte – didattica.

La struttura ripetitiva fa parte dell’insegnamento musicale in modo pervasivo e strutturante. Non solo in quanto la ripetizione è richiesta da un’arte performativa altamente fisica, come la nostra – e si tratta di una ripetizione che vive di esistenziali affini alla preghiera, che struttura e ritma giornate e corpi e sensibilità; ma pure in quanto quel replicare in cui consiste la tournée, mira sì a una di riproduzione di essenze che esigiamo tuttavia sempre più piena d’essere. Non solo perché la trasmissione di mondi, il passaggio di sapienza artistica da maestro ad allievo avviene attraverso imitazione di stilemi, di gesti, di approcci allo studio; ma proprio in quanto il processo fisico intero apre all’afflato spirituale del brano, e questo rimanda a quello. Il concerto, e potremmo dire il concertista, la concertista crea il Nuovo nello Stesso.

Senza contare il fatto che il musicista spesso porta dentro di sé, e rimugina come si rumina un salmo, la forma della “sua” musica. Ciò gli consente di risolvere i problemi a livelli altri dal fisico e di riportarsi alla dimensione fisica rendendo la grazia di una esecuzione unitaria e ispirata. C’è poi il problema della replica. Che senso ha replicare i concerti? E’ immorale e inutile, come vorrebbe Glenn Gould? E’ solo spettacolo? Certo no, non lo è. Noi sappiamo che attraverso la ripetizione del rito del concerto molto si consolida, si introietta, si perfeziona. Diventa mirato, efficace, controllato e libero: commovente a questo preciso patto.

Eppure come è difficile – e ne condividiamo la croce e la delizia con gli attori – fare, disfare e rifare ogni sera, ogni giorno, più volte al giorno! Che strano e inevitabile processo alchemico è la nostra routine: macerazione, riduzione all’osso, scomposizione; nuova sintesi, nuovo colore, tinta rubea – sempre nuova – di ciò che non è mai esaurito, e sempre chiama altre interpretazioni.

E noi stessi! L’opera al nero che siamo e ridiventiamo: il nuovo inizio che è sempre processo partoriente – e comprende, in una polifonia non scontata, concepimento, crisi, pericolo, nascite.
Ripetizione è anche sfida, rischio, sempre rinnovato salto dall’esito in realtà indecidibile. Il meccanismo stesso della tournée ha poi qualcosa di simile a una missione itinerante: può avere risvolti politici, nel senso alto e nobile del termine: può aprire speranze in ogni dove, può parlare indelebilmente al singolo, costruire, ripetiamo, il nuovo.

Avanzano dunque da un orizzonte lontano questioni filosofiche di prima grandezza: cosa significa ereditare, esser fedeli? La fedeltà di un interprete è un valore: ma viene declinato nei modi più disparati. Siamo legati all’Autore da un vincolo di fedeltà del tutto speciale: ma, per la natura stessa della musica, l’Autore viene a noi anche attraverso interpretazioni di interpretazioni – che veicolano fascino, mondi, fini, effetti di senso; legami con la Storia ignoti all’Autore, risonanze extramusicali, futuro.

Si profila un legame forte tra eredità, fedeltà e dovere di eresia.
Insomma la questione della interpretazione musicale, soprattutto relativamente al tema ereditare-ripetere-innovare, sta dinanzi ai nostri occhi come questione tipicamente ermeneutica e contemporaneamente come traino tutt’affatto speciale dell’ermeneutica stessa: con il suo metalinguaggio, con quel veicolo di musica viva che è l’interprete – che è anche corpo, fascino fisico, magnetismo personale; scelta che traspare da ogni gesto; orizzonte e infine fulcro di sempre rinnovate nascite – la musica trae a sé sempre nuove e antiche risonanze extramusicali capaci di travalicare persino il generale orizzonte dell’arte, per lambire filosofia, storia, letteratura, psicoanalisi, fenomenologia della persona.

Margherita Anselmi

VI ASPETTIAMO

PRENOTAZIONE POSTI CONCERTO 22 FEBBRAIO 2022: CLICCA QUI

PRENOTAZIONE POSTI CONCERTO 23 FEBBRAIO 2022: CLICCA QUI

PRENOTAZIONE POSTI CONCERTO 24 FEBBRAIO 2022: CLICCA QUI

 

Mattina Prima Giornata Interpretazione: https://youtu.be/nXrA1h7zldo

Pomeriggio Prima Giornata Interpretazione: https://youtu.be/ExMGTy30Fj0
Concerto Prima Giornata Interpretazione: https://youtu.be/h5EZzf17w6s
Mattina Seconda Giornata Interpretazione: https://youtu.be/eGAiEDVSNBU
Pomeriggio Seconda Giornata Interpretazione: https://youtu.be/fMy7SMxl1WE
Concerto Seconda Giornata Interpretazione: https://youtu.be/1QN_3WH0FNI
Mattina Terza Giornata Interpretazione: https://youtu.be/N6jezlEhGUk
Pomeriggio Terza Giornata Interpretazione: https://youtu.be/3kTKr9I71tE
Concerto Terza Giornata Interpretazione: https://youtu.be/_PQDDDLCrW8
Mattina Quarta Giornata Interpretazione: https://youtu.be/FE7eXBR2fnk
Pomeriggio Quarta Giornata Interpretazione: https://youtu.be/iiUAGTDeGcs
Concerto Quarta Giornata Interpretazione: https://youtu.be/uDqEpZ0OguM

X